Chirurgia alla schiena

Nel caso in cui abbia avuto un mal di schiena per un po ', ci si potrebbe chiedere se la chirurgia vertebrale sarà l'unica opzione di trattamento. A volte la chirurgia è l'unico trattamento. La stragrande maggioranza dei problemi alla schiena può essere risolta con trattamenti non chirurgici, spesso definiti trattamenti non chirurgici o conservativi.

Lesioni alla colonna vertebrale possono verificarsi a causa di invecchiamento, scarsa meccanica del corpo, traumi e anomalie strutturali che possono portare a mal di schiena e altri sintomi come dolore alle gambe e / o intorpidimento o anche debolezza delle gambe. Il mal di schiena cronico è una condizione che di solito richiede un team di professionisti della salute per la diagnosi e il trattamento. Prima di sottoporti a una procedura chirurgica, chiedi consiglio ad alcuni esperti specializzati in chirurgia della colonna vertebrale. Questa volta gli investimenti e la raccolta dei dati ti aiuteranno a prendere una decisione informata sul trattamento che meglio sosterrà il tuo stile di vita e il livello desiderato di attività fisiche. Le cliniche di chirurgia della colonna vertebrale sono raccomandate anche se questa categoria medica è a volte collegata con il reparto di ortopedia del grande ospedale ed è anche parte di alcune terapie con cellule staminali.

1. Sostituzione del disco artificiale


La chirurgia sostitutiva del disco artificiale è la sostituzione di un disco doloroso con un disco artificiale. La chirurgia del disco artificiale può essere effettuata sulla parte inferiore della schiena (colonna lombare) o sul collo (colonna vertebrale cervicale). I dischi artificiali sono progettati con lo scopo e l'obiettivo di riprodurre la forma e la funzione del disco naturale della colonna vertebrale.

Il disco artificiale approvato dalla Food and Drug Administration (FDA) statunitense per l'uso nella colonna lombare è PRODISC-L e activL. Nel rachide cervicale sono presenti numerosi dischi artificiali approvati, tra cui Mobi-C (l'unico prodotto approvato per uno e due livelli), il PRESTIGE, il ProDisc-C, il BRYAN, il SECURE-C e il PCM .

L'obiettivo di sostituire il disco artificiale è quello di ridurre il dolore e migliorare la mobilità nei pazienti con dolore lombare cronico (lombare). Questa è una nuova procedura che è considerata un'alternativa alla chirurgia spinale di fusione. Il rischio associato alla fusione spinale è la degenerazione accelerata dei dischi a livelli adiacenti della colonna vertebrale.

I dischi vertebrali sono situati tra le ossa o le vertebre della colonna vertebrale e funge da lubrificante o ammortizzatore per le vertebre. I dischi svolgono anche un ruolo importante nella flessibilità e nel movimento della colonna vertebrale.

Come età individuale, i dischi si indeboliscono e sviluppano lacrime o crepe nella parte esterna, causando una malattia degenerativa del disco. Inoltre, la porzione interna può gonfiarsi e premere contro la parte esterna che porta al dolore.

La sostituzione del disco consumato è lo scopo della sostituzione del disco artificiale e preserva anche il movimento della colonna vertebrale. Il risultato è diminuito nel dolore alla schiena e non vi è un aumento del rischio di sviluppare problemi vicino alla colonna vertebrale.

2. Trapianto di midollo osseo


Questa è una procedura medica che viene eseguita per la sostituzione del midollo osseo che è danneggiato o distrutto a causa di malattia, infezione o chemioterapia (cure per il cancro). Il trapianto di midollo osseo prevede il trapianto di cellule staminali del sangue che entrano nel midollo osseo dove producono nuovi globuli rossi e supportano la crescita del nuovo midollo osseo.

Il tessuto spugnoso e grasso trovato all'interno dell'osso è noto come midollo osseo. Il midollo osseo è responsabile della formazione delle seguenti parti del sangue:

I globuli rossi che trasportano ossigeno e sostanze nutritive in tutte le parti del corpo


I globuli bianchi che aiutano a combattere le infezioni


Le piastrine (trombociti), responsabili della formazione di coaguli


Il midollo osseo contiene anche cellule staminali immature che formano il sangue chiamate cellule staminali ematopoietiche o HSC. La maggior parte delle cellule sono già differenziate e possono solo riprodurre alcune copie di se stesse. Tuttavia, queste cellule staminali non sono specializzate, questo significa che hanno il potenziale di moltiplicarsi attraverso la divisione cellulare e rimangono cellule staminali o si differenziano e crescono in molti diversi tipi di cellule del sangue. L'HSC trovato nel midollo osseo creerà nuove cellule del sangue per tutta la vita di un individuo.

Il trapianto di midollo osseo sostituisce le cellule staminali danneggiate con cellule sane. Questo aiuta l'organismo a produrre globuli bianchi, piastrine o globuli rossi sufficienti a prevenire infezioni, disturbi emorragici o anemia.

Le cellule staminali sane possono provenire da un donatore o dal proprio corpo. In tali casi, le cellule staminali possono essere raccolte o coltivate prima della chemioterapia o radioterapia. Queste cellule sane vengono quindi immagazzinate e utilizzate nei trapianti.

I tre tipi di trapianto di midollo osseo sono:

Trapianto autologo di midollo osseo
Trapianto di midollo osseo allotrapianto
Trapianto di sangue del cordone ombelicale
Il successo del trapianto di midollo osseo dipende principalmente dalla vicinanza genetica del donatore al ricevente. A volte ottenere una buona corrispondenza tra donatori non collegati può essere molto difficile.

Lo stato del trapianto verrà monitorato regolarmente. 

Lo stato del trapianto verrà monitorato regolarmente. Dopo il primo trapianto, di solito viene completato tra 10 e 28 giorni. Il primo segno di trapianto è l'aumento del numero di globuli bianchi. Questo dimostra che il trapianto inizia a produrre nuove cellule del sangue.

3. Foraminotomia


La foraminotomia è una procedura chirurgica che viene eseguita per estendere l'area attorno a una delle ossa nella colonna vertebrale. L'operazione riduce la pressione sui nervi compressi.

La colonna vertebrale consiste in una catena di ossa chiamate vertebre. I dischi intervertebrali si trovano sopra e sotto la porzione piatta di ogni vertebra per fornire supporto.

La colonna vertebrale ospita il midollo spinale e aiuta a guidarlo contro le lesioni. Il midollo spinale invia dati sensoriali dal corpo al cervello. Il midollo spinale invia anche ordini dal cervello al corpo. I nervi si sono diffusi dal midollo spinale, inviando e ricevendo questa informazione. Lasciano la colonna vertebrale attraverso un piccolo foro (forame intervertebrale) situato tra le vertebre.

Durante la foraminotomia, verrà praticata un'incisione sulla schiena o sul collo dal medico che espone la vertebra interessata. Quindi il medico può espandere chirurgicamente il forame intervertebrale, rimuovendo eventuali blocchi.

4. Chirurgia dell'ernia iatale
L'insorgenza di un'ernia iatale è dovuta all'ascensione dello stomaco nel petto. Nel caso in cui un'ernia causi sintomi gravi o possa causare complicazioni, può essere necessaria la chirurgia dell'ernia iatale.

Non tutti quelli con ernia iatale necessitano di un intervento chirurgico. Un sacco di persone saranno in grado di trattare la condizione con l'uso di farmaci o di apportare modifiche al loro stile di vita. Tuttavia, per coloro la cui condizione richiede un intervento chirurgico, ci sono una serie di interventi, il più comune è la fundoplicatio di Nissen.

Quando è necessaria l'operazione?


La maggior parte delle ernie iatali non porta a sintomi, quindi il trattamento di solito non è necessario. Quelli con sintomi lievi come bruciore di stomaco, reflusso acido o disturbo da reflusso gastroesofageo (GERB) possono essere in grado di trattare la loro condizione con droghe o cambiamenti dello stile di vita.

I tre tipi di operazioni per l'ernia iatale sono la fundoplicatio di Nissen (chirurgia della serratura), le riparazioni aperte e la fundoplicazione endoluminale. Tutte e tre le procedure richiedono l'anestesia generale.

5. Vertebroplastica


La vertebroplastica è una procedura ambulatoriale che viene eseguita per stabilizzare la frattura da compressione del rachide. Il cemento osseo viene iniettato nelle ossa posteriori (vertebre) che si sono rotte o rotte, spesso a causa dell'osteoporosi. Il cemento indurisce, stabilizzando la frattura e supporta la colonna vertebrale.

Per le persone con dolore grave e invalidante che si verificano a seguito di una frattura da compressione, la vertebroplastica può alleviare il dolore, aumentare la mobilità e ridurre l'uso di antidolorifici.

Un'altra procedura simile alla vertebroplastica è la cifoplastica. Ma a differenza della vertebroplastica, la cifoplastica utilizza palloncini speciali per creare spazi all'interno della vertebra che vengono poi riempiti con cemento osseo. La cifoplastica può correggere la deformità spinale e ripristinare l'altezza persa.

Come funziona la vertebroplastica?


Prima della procedura:

Il medico probabilmente prescriverà una radiografia, stabilirà una storia medica completa ed eseguirà un esame fisico per determinare la posizione e la natura specifica del dolore correlato alla vertebra. Il medico può anche utilizzare la risonanza magnetica (MRI) o la tomografia computerizzata (TC o TAC).

Informare il medico su tutti i farmaci prescritti e tutti gli integratori a base di erbe che sta assumendo.

Informi il medico nel caso in cui lei abbia una storia di disturbi emorragici o se sta assumendo farmaci anticoagulanti come l'aspirina o altri medicinali che influenzano la coagulazione del sangue.

Durante la procedura il medico:

Dare farmaci per la sedazione che ti aiuteranno a rilassarti e mantenere la calma durante la procedura o l'anestesia generale per il dolore intenso

Usa una radiografia continua per dirigere l'ago attraverso la vertebra rotta, proteggendo il tuo corpo dalle radiazioni.

Ha iniettato lentamente il cemento nella vertebra. A seconda di come il cemento penetra nelle vertebre, il medico può applicare un'altra iniezione per riempirla completamente.

Dopo la procedura:

Probabilmente ti starai sdraiato sulla schiena per 1 ora mentre il cemento si indurisce.

Probabilmente resterai nella sala di osservazione per 1 o 2 ore.

Potresti avvertire dolore subito dopo la procedura, ma potrebbero essere necessarie fino a 72 ore. Il medico può fornire antidolorifici da banco per il disagio temporaneo.

Il medico valuterà il tuo dolore e cercherà eventuali complicazioni.

Potrebbe essere necessario continuare a mettere il tutore posteriore, ma di solito non è necessario.

Dopo diverse settimane, è possibile controllare di nuovo per un appuntamento

Se hai una lesione alla schiena, la chirurgia della colonna vertebrale può essere l'opzione migliore per te. La stragrande maggioranza dei problemi alla schiena può essere risolta con trattamenti non chirurgici, spesso definiti trattamenti non chirurgici o conservativi.