Cambiamento del colore degli occhi: la cheratopigmentazione è sicura in 2024?

Cambiare il colore degli occhi: l'intervento di cheratopigmentazione è sicuro?

La procedura di cambio del colore degli occhi è probabilmente la più sorprendente procedura di chirurgia plastica disponibile da tempo.

Come ogni intervento chirurgico, è necessario fare una scelta informata, ma poiché si tratta di una procedura piuttosto nuova e che coinvolge gli occhi, può essere un caso delicato.

È quindi importante capire se e quale procedura di cambio del colore degli occhi è sicura.

Cambiamento di colore degli occhi: la cheratopigmentazione è un intervento chirurgico sicuro?


Per sicurezza in termini di procedura di cambio del colore degli occhi si intendono le tecniche e gli interventi a cui ci si riferisce.

    per saperne di più sulle diverse procedure di cambio del colore degli occhi

Esistono diverse tecniche chirurgiche per cambiare il colore degli occhi e quindi la cosa migliore è verificare per ciascuna di esse quali sono i vantaggi ma soprattutto i rischi e le potenziali complicazioni.

La procedura di impianto dell'iride artificiale è sicura?

 

Il trapianto di protesi dell'iride è rischioso e quindi in alcuni casi non è affatto raccomandato.

Come già detto, l'intervento di impianto dell'iride è consigliato in alcuni casi e controindicato in altri.

In generale, si consiglia di eseguire un intervento di impianto di iride artificiale se non si dispone di un cristallino chiaro o di una messa a fuoco.

Può anche essere un intervento aggiuntivo dopo un intervento di cataratta, ad esempio, e spesso viene eseguito contemporaneamente.

In primo luogo è generalmente sconsigliato quando per motivi di comfort o estetici, solo una ragione medica rende necessario tale intervento. Grazie a nuove tecniche come la cheratopigmentazione, chiunque può sottoporsi a un intervento di modifica del colore degli occhi che è affidabile ed efficace.

I rischi di questo intervento tecnico e non così comune sono la cecità o la riduzione della vista nel peggiore dei casi, ma anche problemi di cornea, cataratta o glaucoma.

Non si può essere un buon candidato all'intervento di trapianto di iride artificiale nei seguenti casi:

- Distacco della retina

- un'infezione oculare

- Un'infiammazione oculare

- Un disturbo oculare che altera la funzione dell'occhio (ad esempio una cataratta da rosolia)

- Rubeosi dell'iride

- Una retinopatia diabetica

- Un glaucoma

- Un disturbo che può richiedere l'esecuzione di un altro intervento oculistico prima di

- Un'iride mancante

 Oltre a queste "restrizioni", si ricorda che questo tipo di intervento per ragioni esclusivamente estetiche non è affatto raccomandato e addirittura vietato. L'Accademia Americana di Oftalmologia, la Food and Drugs Administration, la maggior parte delle Amministrazioni Europee dei Farmaci o l'American Glaucoma Society non raccomandano questo tipo di intervento se non per motivi medici.

Le lenti a contatto colorate sono sicure?

Ci sono numerosi rapporti di oculisti che parlano di gravi lesioni e problemi causati da lenti a contatto colorate non prescritte.

 

I principali rischi associati alle lenti a contatto colorate senza prescrizione sono:

 

- Abrasioni corneali che portano a gravi infiammazioni.

- Infezioni come la cheratite

- Ulcere corneali

- Congiuntivite

- Cecità in alcuni rari casi

 

La mancanza di luce e ossigeno attraverso questo tipo di lenti può essere un vero problema e solo il vostro oculista può darvi il via libera o meno.

La chirurgia laser 

Molti oftalmologi hanno esaltato i rischi di questo tipo di intervento, nonostante i suoi limiti.

 

I chirurghi oculisti affermano che i rischi potenziali sono, anche se ancora da dimostrare, i seguenti:

 

- Uveite, a causa della potenziale infiammazione causata dal raggio laser.

- Glaucoma

- Riduzione della vista

- Potenziale cecità, come riportato in alcuni casi

 

Alcuni rapporti e commenti di società di oftalmologi con sede in Europa o negli Stati Uniti suggeriscono ai potenziali pazienti di essere cauti e di scegliere con cognizione di causa le varie tecniche per colorare l'occhio prima di sottoporsi a tale tecnica.

D'altra parte, i commenti positivi provengono principalmente dalla Stoma Company. Secondo loro, l'intervento è sicuro dopo oltre dieci anni di test. Questi risultati sono ovviamente contenuti nella relazione inviata alla FDA.

Ora, quanto costa questo intervento rispetto ad altri interventi di modifica del colore degli occhi? Come sempre è difficile fare un confronto perché c'è una questione di conformità e di enormi differenze di prezzo da un paese all'altro.

 

La cheratopigmentazione è sicura e protetta?


La cheratopigmentazione è una procedura diversa dagli interventi sopra menzionati, in quanto mira a pigmentare l'occhio e non ad aggiungere lenti, depigmentare l'iride o cambiare l'iride.

► Quanto per una Cheratopigmentazione?

Come ogni intervento chirurgico, anche questo può presentare alcuni rischi, ma dipende dalla clinica, dal chirurgo, dal protocollo, dalla tecnologia utilizzata, per cui si può avere una cheratopigmentazione e una cheratopigmentazione sicura.

È necessario verificare:

 

 Quali sono le attrezzature e i laser forniti dalla clinica?

 Qual è il background e l'esperienza del chirurgo?

 Quali pigmenti vengono forniti e quanto sono sicuri?

Se questi parametri sono soddisfatti, allora avete tutte le possibilità di avere una tecnica di cambio di colore degli occhi sicura.

Come faccio a sapere se la procedura di cambio del colore degli occhi è adatta a me?

In breve La cheratopigmentazione è considerata la procedura più efficace per cambiare il colore degli occhi. Se si sceglie la procedura giusta, vale a dire con l'oculista giusto, con l'équipe giusta, ma anche con il laser e il pigmento, si ritiene che sia sicura.

Fornire la propria anamnesi medica aiuterà anche l'oculista. 

Innanzitutto è importante rivedere lo sviluppo nel tempo delle tecniche di pigmentazione degli occhi. Perché? perché di per sé questa tecnica non è nuova e che in fondo si tratta di una somma di diverse tecniche e diversi sviluppi tecnologici che hanno permesso di ottenere finalmente risultati che possono essere qualificati come sicuri. Il tatuaggio innanzitutto di per sé non è una novità, fin dalla notte dei tempi gli uomini hanno utilizzato i tatuaggi sui loro corpi. Vediamo addirittura che oggi, ad esempio, ci sono 12 milioni di francesi tatuati, 13 milioni di britannici o più di 100 milioni di americani.

È quindi importante comprendere l'evoluzione della tecnica conosciuta come cheratopigmentazione, talvolta chiamata anche tatuaggio corneale.

Lo studio dell'evoluzione della Cheratopigmentazione ci permette di comprendere cosa c'è nel campo della scoperta, dell'esperienza e quindi della scienza.

Fu il fisico e filosofo Galeno di Pergamo a praticare il primo tatuaggio della cornea negli anni '70 d.C. È nel 1870 che troviamo in letteratura il termine “tatuaggio corneale” utilizzato da chirurghi oculoplastici come Louis Von Wecker.

Fu nel 1922, con la sua opera “Il tatuaggio multicolore della cornea”, che l’oftalmologo americano Samuel Lewis Ziegler portò la cheratopigmentazione nell’era moderna.

Negli anni '90, la realizzazione di un tunnel nella cornea per alloggiarvi in prima intenzione i segmenti di anelli per la gestione del cheratocono ha permesso la realizzazione di un tunnel più ampio per introdurre un pigmento.

È l'oftalmologo spagnolo Professor Alio, che nel 2001 conferisce le lettere di nobiltà a questa tecnica grazie all'avvento del laser a femtosecondi che ha permesso di realizzare il tunnel in modo sicuro e con grande precisione.

Infatti, la tecnica utilizzata è la stessa utilizzata per la creazione di tunnel con il posizionamento di anelli intracorneali nella gestione del cheratocono. La cheratopigmentazione terapeutica ha dato speranza a molti pazienti con aniridia, coloboma, iride traumatica o albinismo con assenza di colorazione dell'iride.

In questi casi non è stato segnalato alcun evento avverso, da qui l'estensione di questa tecnica in ambito estetico.

È quindi, come spesso accade, la padronanza di una tecnica o di un intervento medico che ha permesso di aprirsi ad altri campi come, logicamente, quello dell'estetica.

La tecnica, come tutte le innovazioni, è certamente criticata. Questo è stato il caso nel 1949 con la comparsa degli impianti rigidi di polimetilmetacrilato (PMMA) per la chirurgia della cataratta. Idem nel 1967 con la facoemulsificazione nella chirurgia della cataratta. Idem negli anni 90 per la chirurgia refrattiva per la quale si parlava di scarificazione della cornea. Idem nel 1997 per il CXL corneale che ferma la malattia del cheratocono e che doveva invecchiare la cornea di 20 o 30 anni.


Ma oggi milioni di persone si avvalgono di queste tecniche e non se ne discute più. La cheratopigmentazione non sfugge al dibattito. Nel 2021 una presentazione del professor Muraine al congresso annuale della SAFIR (Società dell'Associazione francese di impianti e chirurgia refrattiva) ha dimostrato che tra tutte le tecniche, la cheratopigmentazione eseguita con il laser a femtosecondi era la meno rischiosa rispetto al laser depigmentazione dell'iride che favorisce il glaucoma e la cataratta o il posizionamento di un impianto dell'iride che scompensa la cornea e porta al trapianto.

 

Come posso verificare che la cheratopigmentazione sia sicura? Devono essere soddisfatti i seguenti 4 criteri cumulativi (come spiegato nell'infografica).

✅ 1/4 Controlla il suo oftalmologo per la sua cheratopigmentazione

  Può sembrare ovvio, ma il primo criterio è chi eseguirà la cheratopigmentazione. Il suo oftalmologo deve essere un oftalmologo certificato dal consiglio e deve dimostrare di essere veramente addestrato per la cheratopigmentazione. Il suo oftalmologo deve spiegare come è diventato un esperto in cheratopigmentazione, quanti interventi sono stati eseguiti, quale tecnica viene utilizzata con quale attrezzatura.

 

           ✅2/4 Controlla se come è formato il suo oftalmologo, parte di un'Associazione scientifica

 

Qualsiasi intervento chirurgico richiede specialisti, ma questi specialisti devono condividere le loro conoscenze ed esperienze con i colleghi. Un chirurgo plastico appartiene a un consiglio di chirurghi plastici certificati come l'American Society of Plastic Surgeons. Un gruppo di esperti dimostra che fai parte di una sqadra che condivide le sue conoscenze tra i suoi membri. Far parte di una tale associazione/società può essere meno importante per una procedura di chirurgia plastica di routine come, ad esempio, la chirurgia delle palpebre, ma non per una nuova procedura. La cheratopigmentazione è in continua evoluzione e la conoscenza e la pratica devono essere condivise. Per questo tra i nostri criteri abbiamo selezionato Cliniche Oculistiche e oftalmologi che fanno parte di tale Società Internazionale.

 

✅3/4 Quale attrezzatura e laser vengono utilizzati per la tua cheratopigmentazione?

 

Il suo oftalmologo e la sua squadra devono spiegarti chiaramente quale tipo di laser a femtosecondi viene utilizzato per creare un canale per inserire i futuri pigmenti. Qualsiasi oftalmologo può spiegare che utilizza la migliore tecnologia successiva o più recente, ma sfortunatamente non è vero.

Il suo oftalmologo deve utilizzare un laser all'avanguardia come il marchio Zeiss. Non sarà un vecchio laser come il VisuMax 500 utilizzato a New York o il marchio IntraLase. Deve essere la tecnologia più recente come Zeiss VisuMax 800 utilizzata in Italia o in Francia da alcune delle nostre cliniche certificate per la cheratopigmentazione.

                                                                                                       Fateci una domanda sulla cheratopigmentazione e vi risponderemo subito!

 

Il rischio non è trascurabile perché i vecchi laser possono causare emorragie subcongontive e perdita della vista durante il passaggio del laser.

✅3/4 La qualità e la stabilità dei pigmenti dei tuoi occhi dopo la cheratopigmentazione

Vorremmo sottolineare il fatto che la qualità dei pigmenti è essenziale nella tua cheratopigmentazione. È importante non inserire componenti non di qualità negli occhi in modo permanente. La sua visione e il suo comfort di vita dipendono da questo. Abbiamo notato che alcuni chirurghi in tutto il mondo usano pigmenti non certificati, anche alcuni comuni pigmenti alimentari. Significa che il suo oftalmologo non le sta fornendo la giusta qualità e pigmenti di grado medico. Alcuni hanno saltato questa parte e hanno problemi di vista.

In conclusione, il miglior intervento chirurgico per cambiare il colore dei propri occhi in modo sicuro è la cheratopigmentazione. Questo intervento ha di gran lunga i rischi più bassi.

Suggerimento importante da non trascurare: quanto è artistico il tuo oculista? Questa domanda può sembrare irrilevante a prima vista, ma è cruciale. Guardando le foto prima e dopo delle cheratopigmentazioni, molti dicono che non sembrano naturali ed è qui che entra in gioco il lato artistico del tuo oculista oltre alle capacità tecniche. La superficie di un occhio non è mai uniforme e per evitare di vedere foto prima e dopo che sembrano uscite da Photoshop, il vostro oculista deve riprodurre le specificità della superficie dell'occhio e il suo rilievo, come direbbe qualcuno. È quindi importante controllare attentamente il lavoro svolto dal proprio oculista e che lui o lei le spieghi qual è la sua tecnica specifica.

Non tutte le cheratopigmentazioni sono uguali, bisogna quindi fare una cernita tra quelle certificate e quelle no.

Può sempre contattarci e applicare lui stesso i 4 criteri cumulativi per una cheratopigmentazione sicura e di successo.

 

__________________________________________________________

Aggiornato Giugno 2024 Collaborazione Dottore di Natale

Dr Renato De Natale / Dr Theodore Hojabr

Informazioni sullo stesso cambiamento del colore degli occhi e sull'argomento cheratopigmentazione:

Cos'è la cheratopigmentazione?

Qual è la procedura migliore per cambiare il colore degli occhi?

È un intervento chirurgico per cambiare il colore degli occhi per me?

Qual è il protocollo di cheratopigmentazione?

Quanto costa una Cheratopigmentazione?

Foto prima e dopo dell'intervento di cheratopigmentazione

Video della procedura di cheratopigmentazione